Please select a page for the Contact Slideout in Theme Options > Header Options

Come si prepara il kimchi, piatto tipico coreano

Come si prepara il kimchi, piatto tipico coreano
22 Febbraio 2019 Arianna Bianchi
come preparare il kimchi

Il kimchi è un magico “cibo dell’anima” coreano che compare spesso negli elenchi tra i superalimenti

Kimchi è il nome comune di qualsiasi verdura conservata secondo lo stile coreano di lattofermentazione.
In Corea esistono quasi 200 varietà documentate di kimchi, e probabilmente un numero esponenziale di ricette familiari.
È più di un contorno o un condimento, è un simbolo culturale e una grande fonte di orgoglio nazionale, come prova il museo a esso dedicato.

cavolo di pechino

Si ritiene che le proprietà della combinazione aglio-peperoncino, amplificate dalla fermentazione, sia ciò che conferisce al kimchi il suo forte potere immunitario.
Il prodotto è contraddistinto dai suoi ingredienti principali: cavolo di Pechino o Napa, ravanelli, aglio, scalogni, zenzero e peperoncino in polvere.

Il cavolo di Pechino è l’ingrediente principale del kimchi, le sue foglie sono tipicamente più tenere, succose e delicate di quelle di altri tipi di cavolo. A seconda della ricetta utilizzata, puoi tenerlo intero, affettarlo diagonalmente o nel senso della lunghezza, tagliarlo in quarti o a metà, arrotolare o imbottire le foglie.

Ecco una ricetta ricavata dal libro Alimenti fermentati per nostra salute di Edizioni Il Punto d’Incontro:

preparazione del kimchi

Ingredienti:

  • Salamoia per kimchi (1 tazza di sale marino non raffinato per 4 l di acqua non clorata)
  • 2 grandi cavoli di Pechino
  • ½ tazza di fiocchi di peperoncino piccante, oppure gochugaru senza sale
  • ½ tazza di ravanelli cinesi tagliuzzati
  • ¼ di tazza di carote tagliuzzate
  • 3 scalogni con tutte le foglie tagliati a fettine
  • ½-1 testa d’aglio tritato
  • 1 cucchiaio di zenzero fresco tritato

Procedimento:

preparazione del kimchi
  1. In un vaso da fermentazione o in una grande ciotola combina gli ingredienti per la salamoia e mescola per sciogliere il sale. Per preparare i cavoli, elimina le foglie esterne più coriacee, risciacquando le migliori senza difetti e tenendole da parte.
    Passa in acqua fredda il resto del cespo e spunta la parte della radice. Cominciando dall’estremità in basso, taglia ogni cavolo nel senso della lunghezza. Immergi i cavoli e le foglie esterne tenute da parte nella salamoia, usando poi un piatto come peso per mantenerli sotto il livello. Tieni da parte a temperatura ambiente da 6 a 8 ore.
  2. Metti i cavoli in uno scolapasta o su un tagliere inclinato per 15 minuti, per scolarli.
    Tieni da parte 1 tazza del liquido di ammollo nella scodella.
  3. Nel frattempo combina in una ciotola fiocchi di peperoncino, ravanelli cinesi, carote, scalogni, aglio e zenzero, amalgamandoli bene.
  4. Tagliuzza i cavoli in pezzi della dimensione di un boccone, o se preferisci più grandi. Mettili nella ciotola e mescola bene. Massaggia e poi assaggia per regolare il sale. In genere i cavoli in salamoia son abbastanza salati, ma se li preferisci più saporiti puoi aumentare un po’ la dose, assaggiando di nuovo.
  5. Trasferisci le verdure in un vaso da fermentazione, un barattolo o un vaso onggi, una manciata per volta, pressando man mano e aggiungendo il liquido eventualmente rimasto nella ciotola. Lascia 5-8 cm di spazio di testa per un barattolo, 10 per un vaso da fermentazione o un vaso onggi.
    Copri con le foglie esterne tenute da parte. Se usi un vaso, copri con un piatto seguito da un barattolo pieno d’acqua ed ermeticamente chiuso. Per un barattolo puoi utilizzare anche in questo caso il barattolo prima citato o un sacchetto Ziploc come combinazione pressello-peso.
  6. Metti a fermentare su una lastra da forno, in un luogo fresco a vista e lontano dalla luce solare diretta, da 7 a 14 giorni.
    Controlla quotidianamente che le verdure siano sempre sommerse. Potresti vedere della schiuma galleggiare: non è pericolosa, ma in caso di incertezza consulta l’appendice.
  7. Puoi cominciare ad assaggiare il kimchi dopo una settimana. All’inizio avrà un sapore delicato, simile a un sottaceto non troppo acido. Il cavolo sarà traslucido e la salamoia di colore rosso aranciato. Spesso il kimchi è piuttosto effervescente, ma non necessariamente.
  8. Quando il kimchi è pronto, trasferiscilo in barattoli più piccoli, sempre curando che le verdure rimangano sommerse; avvita bene i coperchi per sigillarli. Si manterrà in frigorifero per 9 mesi.

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*