Please select a page for the Contact Slideout in Theme Options > Header Options

Energia Fuoco | Le 5 trasformazioni

Energia Fuoco | Le 5 trasformazioni
7 Settembre 2016 Arianna Bianchi
energia fuoco

Caratteristiche, qualità e difficoltà dell’energia fuoco nei 5 movimenti della medicina cinese

È l’energia nello stato più dinamico, espanso e libero. Rappresenta la piena espressione dell’energia che ascende e si propaga con rapidità.
Il fuoco dà luce, è brillante e quando irradia sentiamo la sua presenza. È l’animo di ogni festa. Rappresenta la fase massima di espansione dell’energia, cioè il punto in cui raggiunge il massimo dello yin.

Libro: I 5 elementi e i 12 meridianiÈ un’energia penetrante che si diffonde rapidamente in tutte le direzioni e può anche sfuggire al controllo. Deve costantemente essere alimentato e il suo calore si diffonde in sintonia con l’ambiente circostante. Il nutrimento a questo nucleo può venire dalla presa di coscienza di sé, dalla meditazione, dalla corretta alimentazione e quant’altro è necessario allo scopo.
È energia attiva, libera e dinamica che manifesta calore, gioia, allegria, riso, capacità di socializzazione e generosità. Grazie alla sua energia, al suo entusiasmo e ai suoi ideali difesi con passione, di solito non ha problemi nel crearsi un piccolo pubblico attorno a sé.

→ In quasi tutti i testi di terapie orientali e medicina cinese si trovano riferimenti alle energie delle 5 trasformazioni. Consiglio comunque un paio di libri: Zen shiatsu e terapie orientali e I 5 elementi e i 12 meridiani. 🙂

Qualità:

Gli attributi positivi del fuoco consistono nella diffusione ritmica dell’energia attraverso l’attività, contemporaneamente ad uno stato di calma interiore e spirituale, e nella capacità di mettere in sintonia il ritmo delle azioni con l’ambiente circostante. Ha un senso di empatia molto sviluppato e la capacità di comunicare con gli altri.

Difficoltà:

Il fuoco non alimentato invece tende a spegnersi portando così ad una perdita di motivazioni. Compare agitazione, superficialità, protagonismo, attaccamento, oppure al contrario depressione, assenza, ritiro, pessimismo.Il soggetto con squilibri di energia fuoco è spesso eccentrico ed esuberante. Ha un senso dell’umorismo maniacale che utilizza come protezione, impedendo agli altri di vedere quello che è il suo vero essere nel profondo. È un umorismo fuori luogo associato quasi sempre ad una vena sarcastica. Si esprime con esagerazione drammatizzando le situazioni. Nonostante tutto, questo squilibrio può affascinare gli altri poiché la potenzialità carismatica del fuoco porta ad esprimersi con molta chiarezza e ad essere oratori eloquenti e persuasivi.

Questi atteggiamenti sono dovuti al bisogno del soggetto di scaricare tutta l’energia in eccesso, che gli sgorga da dentro senza controllo in situazioni fortemente emotive. Non gli va, tuttavia, che le persone prendano troppa confidenza nei suoi confronti e non è facile per lui stabilire rapporti profondi, sebbene sia in contatto con molti.
Quando è da solo, tende a scivolare in una specie di limbo energetico, in cui non è in grado di riflettere su se stesso o sugli altri e non avanza considerazioni su alcun evento o azione vissuto.

Diagnosi e consigli:

Visivamente, noteremo un colorito rossastro del viso, che dal naso (che tende a gonfiarsi) si diffonde sulle guance. Lo vedremo spesso tirarsi/strofinarsi il naso o massaggiarsi il lobo dell’orecchio, forma di stimolazione determinata da un senso di intorpidimento nei tessuti di quelle parti del corpo. Con le mani in costante movimento, producono un effetto ipnotico attraverso gesti ampi che accompagnano le parole. La sensazione che trasmettono è di irrequietezza e incapacità di rimanere calmi.

L’energia Fuoco nel complesso ha natura duplice: la materia nel suo processo di decomposizione in energia passa attraverso lo stato di plasma, si tratta della fase “fuoco primario”, lo yin estremo. Quando l’energia comincia a condensarsi in materia, attraversa anch’essa lo stadio plasmico: “fuoco secondario” il passaggio dallo yin allo yang cioè l’inizio dello yang.

Il simbolo è il sole.
L’energia Fuoco è associata alle funzioni di cuore e intestino tenue. Gli organi di senso sono la lingua e la parola, e i tessuti sono i vasi sanguigni.
La stagione legata all’elemento fuoco è l‘estate con clima caldo e la parte del giorno è il mezzogiorno. La parte della vita è la giovinezza e la prima età adulta.
La direzione dell’energia è il sud. Il colore è il rosso.

Nell’alimentazione sono da usare:

  • Mais, amaranto, quinoa
  • Verdure che crescono fino ad espandersi molto, peperoni e peperoncini, foglie e fiori di zucca.

Da evitare o limitare:

  • Alimenti che presentano caratteristiche estreme, molto yin o molto yang.
  • Salumi, carne, dessert, zucchero, gelati, latticini, spezie etc..

Sono consigliati il camminare, la meditazione, lo yoga, il tai chi, il nuoto, il danzare, lo jogging, il ridere, l’esercizio fisico in generale.

1 Commento

Pingbacks

  1. […] intermedi che preparano i due stadi massimi e distinsero appunto 5 fasi: Acqua, Albero (o Legno), Fuoco, Terra, Metallo. Inoltre, ritrovarono il sistema delle 5 trasformazioni, non solo in tutta la […]

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*