Please select a page for the Contact Slideout in Theme Options > Header Options

Halasana e il meridiano dei reni | Yoga e do-in

Halasana e il meridiano dei reni | Yoga e do-in
22 Marzo 2021 Arianna Bianchi
yoga halasana meridiano di reni

Halasana (l’aratro) è una posizione yoga invertita che riequilibra l’energia del meridiano dei reni

Che collegamento c’è tra halasana e il meridiano energetico dei reni?
In generale, mantenendo per un po’ una posizione di yoga si ottiene il benefico effetto di migliorare la funzione specifica dei meridiani energetici associati ad essa, a seconda della posizione.
Lo scopo principale dello yoga, così come quello degli esercizi per immagini (esercizi di stretching per i meridiani ideate da Shizuto Masunaga, padre dello zen shiatsu) non è quello di copiare posture o movimenti parzialmente, ma di formare un’immagine dell’intero movimento, così da facilitare il flusso di energia attraverso l’intero corpo e migliorare la funzione dei meridiani.

Secondo il pensiero di Shizuto Masunaga, esposto nel bellissimo libro Zen per immagini, con la pratica di halasana, la posizione dell’aratro, attiviamo nello specifico l’energia del meridiano dei reni.

posizione dell'aratro yoga meridiani energetici reni

Esecuzione di halasana, la posizione dell’aratro:

Sdraiatevi sul dorso con le gambe e i piedi uniti. Le braccia sono lungo i fianchi, il palmo delle mani al pavimento.
Rilassate tutto il corpo.
Utilizzando solo i muscoli addominali, sollevate entrambe le gambe nella posizione verticale, mantenendole distese e unite.
Fate pressione sulle braccia e sollevate i glutei e la schiena dal pavimento. Abbassate le gambe oltre la testa. Portate le dita dei piedi verso il pavimento, ma non forzate troppo per raggiungerlo.

halasana variante In caso di necessità potete girare i palmi verso l’alto, piegare i gomiti e poggiare le mani dietro la gabbia toracica per sostenere la schiena come in sarvangasana (la posizione della candela).
Rilassatevi e mantenete la posizione finale per un comodo periodo di tempo.
Ritornate alla posizione di partenza abbassando le braccia al pavimento con i palmi rivolti verso il basso, poi lentamente abbassate la schiena e i glutei al pavimento, così che le gambe riassumano la loro posizione iniziale verticale.
Utilizzando i muscoli addominali, riportate le gambe a terra mantenendo le ginocchia unite.

libro yoga swami satyananda saraswati

Tra i numerosi benefici di halasana:

– massaggia gli organi interni
– rivitalizza le ghiandole surrenali e i reni
– migliora la funzionalità di fegato e milza
– attiva la digestione
– stimola la produzione di insulina dal pancreas
– regola l’attività della tiroide
– rinforza il sistema immunitario
– combatte i disturbi del sonno
– tonifica i muscoli di schiena, cosce e addome
– rende la colonna vertebrale forte e flessibile
– aumenta la circolazione del sangue
– rinforza il sistema nervoso
– aumenta concentrazione e consapevolezza

È bello e interessante vedere come i benefici appena elencati corrispondano in parte anche all’‘energia dei reni nella medicina cinese.

→ Quest’asana (posizione) non dovrebbe essere praticata da chi soffre di ernia, ernia al disco, sciatica, ipertensione o qualsiasi grave problema alla schiena, specialmente artrite al collo.

Libri consigliati:


0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*